Assegno di maternita’

Descrizione
Consiste in un contributo in denaro erogato dall’INPS e gestito dai Comuni, destinato ad ogni figlio nato, adottato o in affidamento pre-adottivo le cui madri sono in possesso di requisiti specifici.

Chi può fare la richiesta
Può essere richiesto dalle donne residenti nel Comune, italiane, comunitarie o straniere ( in possesso della carta di soggiorno), che hanno avuto un bambino e le mamme adottive o in affido pre-adottivo, che non hanno beneficiato del trattamento previdenziale della indennità di maternità, il cui nucleo familiare non abbia un ISEE superiore alla soglia stabilita annualmente dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Dove andare
La domanda deve essere presentata all’ufficio servizi sociali, utilizzando l’apposito modulo, chi non avesse un ISEE in corso di validità, può chiedere contestualmente il calcolo, compilando la dichiarazione necessaria (vedi informativa calcolo ISEE)

Cosa presentare
L’ISEE in corso di validità, se non disponibile la dichiarazione per il calcolo dell’ISEE

Tempi di risposta
La liquidazione avviene in un’unica soluzione a cura dell’INPS entro 45 giorni dal ricevimento dei dati da parte del Comune

Cosa fare
Occorre presentare domanda scritta servendosi dell’apposita modulistica

Quando fare la richiesta
La domanda va presentata dalla mamma entro sei mesi dalla data del parto, dal decreto di adozione

Note
L’ufficio provvede ad inviare la risposta per posta direttamente alla persona che ha presentato domanda. L’inps erogherà il contributo secondo le modalità indicate nell’istanza dal richiedente (assegno circolare non trasferibile, accredito in c/c)

Norme di riferimento
Art.66 L.448/98 e successive modifiche DPCM 21.12.2000 n.452