Autocertificazione

Descrizione

DICHIARAZIONE DA PRODURRE AGLI ORGANI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE O GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI.

Per fare l’autocerficazione e’ sufficiente un foglio di carta sul quale apporre la propria firma senza autentica, lo stesso interessato dichiara per iscritto e sotto la sua responsabilita’  l’esistenza di certi fatti o atti che lo riguardano come:  luogo e data di nascita,  esistenza in vita, residenza, stato di famiglia, stato civile, nascita del figlio, morte del coniuge, genitori, ,ecc.  cittadinanza, godimento dei diritti politici, iscrizione in albi o elenchi pubblici Inoltre la  legge 445/2000 ha allargato le possibilita’  di autocertificazione ad altri stati, fatti e qualita’ , come: il titolo di studio, il reddito, l’assolvimento degli obblighi contributivi, il numero del codice fiscale e della partita IVA, lo stato di disoccupazione, la professione, la qualita’  di legale rappresentante di persone giuridiche, di tutore, curatore e simili, se hai adempiuto agli obblighi militari, l’assenza di condanne penali, i dati di stato civile. L’autocertificazione e’ utilizzabile nel rapporto con le pubbliche amministrazioni e i gestori di servizi pubblici, e ai privati che vi consentano. L’esibizione di un documento d’identita’  valido, in virtu’ dei dati che contiene (nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza, cittadinanza e stato civile) ha lo stesso valore dei certificati. Tutte le Pubbliche Amministrazioni hanno predisposto apposita modulistica per la compilazione delle autocertificazioni e delle dichiarazioni sostitutive degli atti di notorieta’.

Norme di riferimento

Legge 28 dicembre 2000.n.445

 

Documenti Allegati: